Come muoversi a Malta

Malta è un’isola, ma non è un’isola di quelle come te le aspetti, di quelle piccoline tutto spiagge e chioschi in spiaggia, nell’immaginario comune l’isola è così, bene, Malta è diversa, specialmente se parliamo di come muoversi.

Malta è affollata, nel senso che ci vive una sacco di gente, quasi mezzo milione di persone su di una superficie di 316km quadrati, la prima conseguenza della densità abitativa è il traffico. Sull’isola ci si muove principalmente in auto, ciò determina che nelle ore di punta (al mattino presto ed intorno alle 5 del pomeriggio) ci sono le file, diverse file in diversi punti nevralgici della rete stradale. Ad esempio, quella che gli italiani residenti a Malta chiamano genericamente “rotonda delle palme”, il nome è dovuto agli alberi presenti al centro, correttamente chiamata Rotonda di Kappara, raccordo tra la parte sud dell’isola, Sliema, Kappara, San Gwann e d il settore nord, è uno di quei posti dove è meglio non aver fretta nella ore di punta.

Il servizio di trasporto pubblico

Nelle cartoline turistiche di Malta spesso ricorre l’immagine della piazza davanti all’ingresso di Valletta con la grande rotonda adibita a stazione di sferraglianti (e bellissimi) bus gialli anni 50, 60 e 70. Tutto questo non c’è più. Gli autobus “vintage”, con molti rimpianti da parte dei maltesi, sono stati sostituiti da bus di nuova generazione e la stazione dei bus è stata spostata poco distante.
La prima volta che sono venuto a Malta, otto anni or sono, ho chiesto ad una signora di Marsaxlokk a che ora sarebbe arrivato l’autobus, la risposta è stata “tu aspetta lì, che prima o poi arriva!”. Oggettivamente poco è cambiato, sebbene il servizio sia stato rivoluzionato più volte, e si noti una decisa volontà nel migliorare la puntualità e la frequenza dei bus, a Malta se si prende l’autobus è meglio non avere i tempi stretti. Complice il traffico, e nella stagione estiva il surplus di lavoro dovuto ai turisti, i ritardi ci sono, i tempi di percorrenza si dilatano, talvolta l’autobus ti passa davanti e neppure si ferma perché è pieno, l’autista si limita ad un gesto che significa “full up”, pieno per noi italiani. Ciò non succede ovunque, si concentra in genere sulle linee più utilizzate come la 12 ad esempio, che da Valletta, percorrendo il tragitto lungo la costa e le principali località turistiche, arriva sino a Saint Paul’s Bay.

Il bello di Malta è che qui nulla si ferma, non ci si arrende, ecco allora che si preparano nuove corsie preferenziali a Sliema, un nuovo sistema per l’acquisto dei biglietti automatizzato in arrivo la prossima estate, insomma si fa sempre qualcosa per migliorare. Nel frattempo ci si deve adattare, certo c’è da dire che la rete è veramente estesa e si può raggiungere ogni località sull’isola di Malta e Gozo con il bus, è sufficiente non avere fretta, una soluzione ottimale per il turista, forse un po’ meno se uno ci vive, in tal caso è quasi doveroso optare per l’auto.

E’ interessante sapere che il servizio di trasporto pubblico dispone di alcune linee speciali che iniziano con la X (X1, X2, etc.) garantiscono i collegamenti per l’aeroporto, con 1,30€ si arriva vicino alla propria destinazione, non veloce come il taxi ma estremamente economico.

I biglietti del bus a Malta costano € 1,30 per una corsa di 2 ore, € 1,50 per tutta la giornata, € 6,50 per una settimana (l’opzione migliore per i turisti in genere).

F.S.

Malta, meglio scegliere auto o bus? ultima modifica: 2015-04-12T08:53:31+00:00 da Redazione