7 zone top dell’isola secondo alcuni lettori.

Malta è un’isola che a discapito delle sue ridotte dimensioni cresce in continuazione. Meno di 28 km per meno di 15 km, ma un mercato immobiliare molto florido. È quasi impossibile soffermarsi su un panorama dell’isola senza vedere delle gru al lavoro.

In questa evidente situazione di benessere economico, come si riflette ciò sul mercato immobiliare? Quali sono le migliori zone dove vivere a Malta, soprattutto per un italiano abituato ad un certo standard qualitativo, secondo voi? Lo stiamo chiedendo a chi ci segue sul sito e sui social ed ecco classifica di questa prima settimana di sondaggio.

Portomaso. Grande complesso immobiliare localizzato a St Julian’s comprende anche un porto interno con marina e il vicino Hilton Hotel. È un complesso di lusso nel quale trovano posto anche diversi ristoranti e attività del terziario oltre a quelle correlate alla marina. Un ambiente esclusivo e armonico, grandi appartamenti affacciati sul mare, praticamente un resort che ricorda Montecarlo. Pochi passi e c’è il centro commerciale, il Cafè Portomaso, punto di ritrovo di molti italiani, sotto il grande grattacielo azzurro ed arancione di Paceville. È probabile che passeggiando per le strade sentirete parlare più italiano che maltese o inglese.

St. Julian’s. Il territorio restante di St Julian’s ,oltre Portomaso, si affaccia sulle baie di Spinola e Balluta. Grandi edifici e zona turistica per eccellenza, qui i prezzi sono elevati. A Swieqi, che si trova più alle spalle di St. Julian’s, gli affitti sono più contenuti rispetto a St. Julian’s pur restando, mediamente, non economici.

Mellieha. Se pensate di non muovervi molto sull’isola è una delle località più carine dove abitare. Molti italiani scelgono questa destinazione per la loro casa a Malta spinti un po’ dalla bellezza del luogo, un po’ dai prezzi più accessibili rispetto ad altri settori. La vicinanza ad alcune delle spiagge più belle dell’isola è forse l’attrattiva maggiore per chi sceglie il nord.

Sliema. Caotica, commerciale, cresciuta un po’ sotto la spinta del business immobiliare, apparentemente incontrollato, è il centro della vita sull’isola. Negozi, ristoranti, bar e locali, ma anche molto frequentata dai turisti. Se vi piacciono le zone ricche di vita (e avete un posto auto) è il luogo per voi, meglio se a un piano alto con vista su Valletta. Dietro i grandi edifici fronte mare si trovano le carine maisonette a due piani. Peccato che spesso rimangano un po’ eclissate e incastrate tra grandi edifici di cemento. A Sliema risiedono molti italiani e attività commerciali gestite da nostri connazionali.

Saint Paul’s Bay. Un buon compromesso tra località turistica e residenziale. Poco caos in bassa stagione, un po’ di più durante l’estate. Possibilità di trovare un’abitazione fronte mare a buon prezzo, tutti i servizi necessari durante tutto l’anno e prezzi decisamente inferiori rispetto a Sliema. Dall’inaugurazione della nuova Coast Road è ottimamente collegata con il resto dell’isola. Presente una consistente comunità italiana.

Valletta. E’ la capitale dove però vive una minoranza della popolazione, forse a causa della difficoltà di muoversi con la macchina oppure perchè, dopo una certa ora, quando chiudono gli uffici e le principali attività, la città è molto vuota. Dal fascino antico, è particolarmente indicata per gli appassionati di storia e arte. Spaziosi appartamenti si trovano in edifici storici, affacciati sulla città dei cavalieri.

Gozo. Se volete l’isola che non c’è, Gozo potrebbe essere il posto giusto. Qui le strade sono generalmente vuote, quasi tutto si muove lentamente, quasi seguendo un orologio di altri tempi. Non cercate grandi centri commerciali, è la vita di un paesino immerso, però, in un paradiso naturale o giù di lì. Perfetta come ritiro o per rigenerarsi da una vita di stress, mettete in conto due ore per arrivare all’aeroporto di Luqa ( se non c’è coda per il ferry). Non è decisamente la meta della maggioranza degli italiani anche se alcuni vi abitano.

State pensando alla vostra classifica? Segnalateci il vostro punto di vista.

7 posti migliori dove vivere a Malta ultima modifica: 2016-01-15T12:33:37+00:00 da Redazione
  • Marcus Bonello

    Come mai, Ibrag e Madliena non sono in questa lista? Io vivo li e si puo dire che non c’e piu bello che vivere nel quieto pure essendo nella vicinanza di tutto. Pure, essendo nel bel mezzo dell’isola.

  • Rossella

    Ciao.Buonanotte. Io sono una ragazza mamma single. VIVO IN EMILIA ROMAGNA È GESTISCO UN BAR DA ANNI,CHE PURTROPPO AGIUGNO CHIUDO PER CAUSA CRISI…ORMAI LTALIA È FINTA! MORALE DELLA FAVOLA…FINE MESE VERREI A MALTA X UNA SETTIMANA. ..VORREI VALUTARE È SOPRATTUTTO INFORMARMI X I DOCUMENTI DI MIO FIGLIO CHE QUEST’ANNO FINISCE LA QUARTA ELEMENTARE. …MI HANNO DETTO DI CHIEDERE INFORMAZIONI SU ITALIANIAMALTA IN FB MA IO NN HO FACEBOOK, DOVE POTEVO CON L AIUTO DI ITALIANI CHE VIVONO LI SAPERE COME FARE PER DOCUMENTI X LA SCUOLA ECC….HO SCRITTO QUI È NN SO SE VADA BENE….SPERO IN UN AIUTO GRAZIE TANTE

  • Redazione

    Salve Rossella, dirai che avrai bisogno del certificato di nascita’ del tuo figlio e un documento tuo pero non saprai dirti se serve altro. Mi informo e ti faccio sapere la settimana prossima. Saluti.

  • Redazione

    Buongiorno,

    Ho chiamato una scuola privata e una scuola statale e mi hanno detto che questi sono i documenti richiesti. Però ogni scuola puo avere le sue richieste particolari. Spero che qui ci sia tutto ciò di cui potresti avere bisogno.

    Documentazione
    Ogni scuola richiede la sua lista di documenti, in generalmente sono:

    Certificato di nascita
    Passaporto/carta d’identità dei genitori
    Ultimo report (pagella) dalla scuola di provenienza
    Copia delle vaccinazioni
    Modulo da scaricare in internet o da richiedere alla scuola e compilare

    Poi le Scuole Statali chiedono anche:
    Un documento officiale, come una fattura, che conferma l’indirizzo della famiglia del bambino
    La carta di identità Maltese dei genitori quando lo avranno
    Una lettera legale che mostra chi ha custodia legale del bambino in caso di separazione

    E le Scuole Private chiedono:
    Riferimento del Direttore scolastico di provenienza per quanto riguarda comportamento e carattere
    Un test di matematica e inglese che si puo fare a Malta o tramite la scuola che frequenta il bambino in Italia
    Un colloquio con il Direttore della scuola in loco a Malta o via Skype
    Un colloquio con il counsellor della scuola
    La decisione di offrire un posto al bambino sarà presa dal Direttore della scuola dopo i colloqui

    In bocca al lupo.